A.U.BA.M. - Comitato Chernobyl

DI CHE COSA VI OCCUPATE?

L'Associazione Umanitaria pro Bambini nel Mondo si occupa di trovare famiglie disponibili ad ospitare i bambini ucraini, dai 7 ai 14 anni, durante il mese di luglio per una vacanza terapeutica e di organizzare mercatini e stand informativi per raccogliere soldi destinati agli Istituti per bambini in Ucraina.

 

PERCHÉ?

Questi bambini hanno uno od entrambi i genitori che nel 1986 lavoravano o vivevano a Chernobyl, quando scoppiò il reattore nucleare che rilasciò delle radiazioni nocive alla salute: rischiano quindi di ammalarsi, anche molto gravemente, entro i quattordici anni di età. La vacanza di un mese qui da noi, fa perdere loro circa il 40% di cesio (una sostanza contenuta in quelle radiazioni) e un'alimentazione sana e varia rende più forte il loro corpo, alzando le difese immunitarie e permettendogli di crescere in modo più sereno.

 

A CHI VI RIVOLGETE?

A tutte quelle famiglie disposte ad aiutare in modo concreto questi bambini, con spirito di solidarietà e amore verso chi ha veramente bisogno.

 

QUANDO È STATA FONDATA LA VOSTRA ASSOCIAZIONE?

Il Sottocomitato di Arsago è nato nel 1998 ma l'Associazione lavora già da parecchi anni su scala nazionale.

 

COSA AVETE REALIZZATO?

Siamo giunti al nostro quinto anno di attività e il nostro premio è l'aver donato una speranza di vita migliore a molti bambini.

 

La famiglia che decide di accogliere un bambino, deve sostenere il costo del biglietto aereo (eccetto il contributo che l'Amministrazione Comunale mette a disposizione).

 

DOV'È LA VOSTRA SEDE?

Per qualsiasi informazione, la coordinatrice è la signora Loredana Moalli che sarà lieta di condividere questa bellissima esperienza con voi.

Via L. Da Vinci, 22 - Tel. 0331/769207 - 340.2738441

 

QUANDO E A CHE ORA VI RIUNITE?

Nel periodo in cui organizziamo l'accoglienza dei ragazzi, di solito in primavera, ci incontriamo con le famiglie interessate al Centro Concordia, alle ore 21.

 

CHE IMPEGNO RICHIEDETE AI VOSTRI ASSOCIATI?

Chi accoglie un bambino in casa, deve cercare di farlo sentire a suo agio, comprendendo la sua situazione e superando le differenze religiose, culturali e sociali, considerandole anzi un'occasione di arricchimento, per imparare cose nuove.

Occorre inoltre saper affrontare i momenti di crisi di un bambino lontano dal suo ambiente e il suo disagio di fronte alla nostra "ricchezza" e ai nostri sprechi ? ciò dovrebbe farci riflettere sul valore che diamo alle cose nella nostra società.

 

MESSAGGIO AI RAGAZZI

Ragazzi, imparate a conoscere questi bambini, giocate con loro, diventate amici riceverete più di quanto date, perchè spesso chi vive in grosse difficoltà sa essere molto più ricco di noi.