Gruppo Alpini

Gruppo Alpini di Arsago Seprio

Gruppo Alpini di Arsago Seprio

Anno di Fondazione 1951

Capo Gruppo

 

Forza del Gruppo

1951-1963  

1964-1965  

1966-2005   

2005 a oggi  

Gionchetta Mario

Bellosi Adolfo

Manzetti Giancarlo

Merletti Emilio

 

              Alpini 46

 

Aggregati 9

Sede in Via del Tornago 8  - Giorno di ritrovo il venerdì dalle ore 21.00 alle 22.30

Dopo la fine della IIª Guerra Mondiale gli Apini di Arsago Seprio, che fino ad allora erano iscritti nel Gruppo di Somma Lombardo,  decisero di fondare il gruppo ad Arsago. È così che viene fondato nel 1951 il Gruppo Alpini di Arsago Seprio da alcuni reduci Alpini della prima e della seconda Guerra Mondiale.

Alcuni anni dopo, e precisamente nel 1956, i soci erigono nei boschi alla periferia del paese la cappelletta denominata “Madonna degli Alpini”, in ringraziamento al fatto di essere sopravvissuti ed in memoria degli Amici rimasti al fronte per sempre.

Nel 1983 viene eretto il “Monumento all’Alpino”, collocando un grande masso, sul quale viene posata un’aquila, oltre a piccozza, scarpone, cappello alpino e targa commemorativa, attorniato da alcune armi pesanti donate da un concittadino, in un’area  concessa dall’Amministrazione Comunale.

Nell’anno 2001 si è celebrato il 50° di fondazione, con un’ampia partecipazione sia della popolazione che dei Gruppi della Sezione.

A maggio 2009 viene inaugurata la Sede del Gruppo, realizzata in coabitazione con il locale Club Alpino Italiano, ove su oltre 160 metri quadrati di superficie trovano posto le due segreterie, una cucina, i  magazzini, i servizi e un ampio salone.

Nel 2011 viene celebrato il 60° di fondazione del Gruppo, e  in occasione della Festa Patronale al Gruppo Alpini di Arsago Seprio viene consegnato il “Premio Sciatt 2011” , la Civica Benemerenza  assegnata annualmente, che trae il suo nome dal soprannome dato agli Arsaghesi  “sciatt” (rospo) a causa di una invasione straordinaria di rospi avvenuta nel 1733.

Durante la Cerimonia, che ha avuto luogo il 16 ottobre , alla presenza delle Autorità Comunali, degli Alpini arsaghesi e di un folto pubblico, ”.... Coloro che oggi ricevono il premio Sciatt rappresentano davvero un po’ l’immagine dell’amore per la nostra Patria, per il suo essere unita, solidali con chi ha bisogno, pronti all’accoglienza, all’aiuto, alla coesione.  Pronti a rimboccarsi le maniche quando c’è da lavorare al servizio e alla cura degli altri, in silenzio e con convinzione. Questo rappresentano i nostri Alpini, a cui quest’anno viene assegnato il “Premio Sciatt” come segno di riconoscenza, di affetto, di gratitudine. L’impegno del gruppo arsaghese è sotto gli occhi di tutti. La loro presenza  attiva  nell’organizzazione di feste, castagnate, momenti di gioia per il nostro paese, la loro attenzione nella cura di spazi che sono di tutti noi, l’impegno nella costruzione dell’immobile che oggi li accoglie come sede in condivisione con il C.A.I., la realizzazione della cappelletta e del monumento a loro dedicato, sono testimonianze di profondo affetto per i loro ideali, ma anche per la nostra comunità …..” sono alcune delle frasi pronunciate dal Sindaco nel consegnare il Premio.  La civica benemerenza arsaghese ci è stata conferita con la seguente motivazione : “Nel 150° Anniversario dell’Unità d’Italia e 60° di Fondazione del Gruppo di Arsago Seprio, per l’impegno sociale, la presenza sul territorio e la vicinanza costante alla nostra Comunità”.

Sempre nel 2011, ricorrendo il 150° Anniversario dell’Unità dell’Italia, il Gruppo dona alle scuole primarie (infanzia,elementari e medie) il Tricolore, con tre distinte cerimonie alla presenza del Presidente Sezionale, del Sindaco, della Dirigente Scolastica, di numerosi Alpini e delle scolaresche festanti.

Diverse sono le iniziative intraprese dal Gruppo negli oltre 65 anni di attività, partecipando sia alle Adunate Nazionali, sia a manifestazioni, ricorrenze e attività della Sezione e dei Gruppi, organizzando Feste Alpine, Castagnate, Concerti di Cori Alpini e collaborando a numerose manifestazioni promosse nel paese.